Sezioni

Progetti interculturali

Negli ultimi anni l’attività dei Musei Civici ha espresso la forte volontà di promuovere dinamiche che puntano al coinvolgimento attivo e partecipato di cittadini modenesi provenienti da altre parti del mondo. In questo senso sono state realizzate alcune iniziative che hanno generato nuovi pubblici, sviluppato nuove consapevolezze e professionalità all’interno dell’istituto e veicolato un messaggio di condivisione del patrimonio museale sostenuto dalle buone pratiche adottate.

Partecipazione, dialogo, inclusione, condivisione sono le parole chiave che caratterizzano i progetti interculturali dei Musei Civici . Musei come quello di Modena, creati nella seconda metà dell’800 per rappresentare l’identità cittadina e tramandarne la memoria alle generazioni future, sono oggi chiamati a ridefinire il proprio ruolo in una società sempre più multiculturale e ad affermarsi come strumenti di integrazione attraverso la cultura. Tuttavia l’apertura ai “nuovi cittadini” non può limitarsi ad una semplice trasmissione di contenuti ma piuttosto partire da un’idea condivisa di patrimonio culturale inteso come bene che una comunità nel suo complesso è chiamata a tutelare, conservare, valorizzare.

L'AGENDA INTERCULTURALE del Museo Archeologico Etnologico

Il Museo Civico Archeologico Etnologico ha condotto quattro progetti di dialogo con cittadini di altri Paesi del mondo veicolati al pubblico attraverso mostre, eventi collegati e un’agenda/catalogo “per dialogare tra le culture tutti i giorni dell’anno”. I progetti, all'insegna del confronto, si sono sempre sviluppati a partire dalle raccolte archeologiche e etnologiche e hanno generato un intreccio di racconti, ricordi, suggestioni che ha arricchito di nuovi significati e di sguardi plurali il patrimonio del Museo. Dopo l’esperienza di Choose the Piece, con l’adozione simbolica di un reperto del Museo, si è passati ai progetti che hanno messo al centro del dialogo temi trasversali come la Terra (This Land is your Land) e le Strade (Al Museo si intrecciano le strade del mondo). Con l’ultimo progetto, Modena-Tirana. Andata e ritorno, una raccolta di foto dello studio Marubbi, di proprietà del Museo, ha costituito il punto di partenza per raccontare le relazioni fra i due Paesi e per esplorare i sentimenti che legano cittadini albanesi che vivono a Modena al loro Paese e a quello che li ha accolti. Le varie esperienze dei progetti interculturali dal 2009 al 2014 sono state raccolte nel sito www.agendainterculturale.modena.it.

Il Museo d’Arte e il Sito UNESCO di Modena

Il Museo Civico d'Arte ha sviluppato negli ultimi anni alcune proposte incentrate sulle raccolte artistiche esposte in museo, che sono divenute strumento per la conoscenza della lingua italiana, della cultura e delle abitudini di vita del territorio modenese in un’ottica di apertura e di confronto con le altre culture e altri stili di vita. In quanto sede di coordinamento del Sito UNESCO di Modena, inoltre, ha proposto percorsi per la conoscenza e condivisione del Patrimonio mondiale dell’umanità a partire dal complesso monumentale riconosciuto dall’UNESCO nel 1997 e comprendente la Cattedrale romanica, la Torre Ghirlandina e Piazza Grande.